La Smorfia

La Smorfia

La Smorfia, che viene spesso accomunata alla città di Napoli, consiste in una sorta di codice associa ai sogni i numeri da giocare al lotto.
Tutto questo avviene anche in base a precise regole che determino il numero o i numeri più consoni da giocare al lotto in base agli eventi, persone o contesti sognati.
Il termine Smorfia ha radici molto antiche e, secondo alcune teorie, potrebbe derivare dal Dio del sonno dell’antica Grecia “Morfeo”.
Secondo ipotesi diverse la Smorfia potrebbe derivare dalle tradizioni ebraiche, secondo la Cabala (Qabbalah) tutta la Bibbia riporta al suo interno parole e concetti con significati nascosti o concetti da interpretare.
Ne deriva che la Cabala è una sorta di studio dei segni e degli eventi della realtà per poi interpretarli e decodificarli, tale metodologia viene applicata anche ai sogni.

La Smorfia Napoletana e l’interpretazione dei sogni

Italiano Napoletano Significato della metafora
1 L’Italia L’Italia
2 La bambina ‘A piccerella
3 La gatta ‘A jatta
4 Il maiale ‘O puorco
5 La mano ‘A mano
6 Quella che guarda verso terra Chella ca guarda ‘nterra l’organo sessuale femminile
7 Il vaso di creta ‘O vasetto
8 La Madonna ‘A Maronna
9 La figliolanza ‘A figliata
10 I fagioli ‘E fasule
11 I topolini ‘E suricille
12 Il soldato ‘O surdato
13 Sant’Antonio Sant’Antonio giorno dedicato al santo nel Calendario dei santi
14 L’ubriaco ‘O mbriaco
15 Il ragazzo ‘O guaglione
16 Il culo ‘O culo
17 La sfortuna ‘A disgrazia
18 Il sangue ‘O ssango
19 La risata ‘A resata
20 La festa ‘A festa
21 La donna nuda ‘A femmena annura
22 Il pazzo ‘O pazzo
23 Lo scemo ‘O scemo
24 Le guardie ‘E Gguardie
25 Natale Natale
26 La piccola Anna Nanninella giorno dedicato alla santa nel Calendario dei santi
27 Il pitale ‘O càntaro
28 I seni ‘E zzizze
29 Il padre dei bambini ‘O pate d’ ‘e ccriature l’organo sessuale maschile
30 Le palle del tenente ‘E ppalle d’ ‘o tenente
31 Il padrone di casa ‘O patrone ‘e casa
32 Il capitone ‘O capitone
33 Gli anni di Cristo Ll’anne ‘e Cristo
34 La testa ‘A capa
35 L’uccellino Ll’aucielluzzo
36 Le nacchere ‘E ccastagnelle
37 Il monaco ‘O monaco
38 Le botte ‘E mmazzate
39 Il cappio al collo ‘A fune ‘n ganna
40 La noia ‘A noja
41 Il coltello ‘O curtiello
42 Il caffè ‘O ccafè
43 La donna al balcone Onna pereta fore ô barcone donna sguaiata/impicciona che si espone al balcone
44 La prigione ‘E ccancelle
45 Il vino buono ‘O vino bbuono
46 Il denaro ‘E denare
47 Il morto ‘O muorto
48 Il morto che parla ‘O muorto che pparla
49 La carne ‘O piezz’ ‘e carne
50 Il pane ‘O ppane
51 Il giardino ‘O ciardino
52 La mamma ‘A mamma
53 Il vecchio ‘O viecchio
54 Il cappello ‘O cappiello
55 La musica ‘A museca
56 La caduta ‘A caruta
57 Il gobbo ‘O scartellato
58 Il pacco ‘O paccotto
59 I peli ‘E pile
60 Il lamento ‘O lamiento oppure anche “colui/colei che si lamenta” (“chi se lamienta”)
61 Il cacciatore ‘O cacciatore
62 Il morto ammazzato ‘O muorto acciso
63 La sposa ‘A sposa
64 La marsina ‘A sciammerìa
65 Il pianto ‘O chianto
66 Le due zitelle ‘E ddoje zetelle
67 Il totano nella chitarra ‘O totaro dint’ ‘a chitarra riferimento all’atto sessuale
68 La zuppa cotta ‘A zuppa cotta
69 Sottosopra sott’ e ‘ncoppa
70 Il palazzo ‘O palazzo
71 L’uomo di merda L’omm ‘e mmerda una persona malvagia o riprovevole
72 Lo stupore ‘A maraviglia
73 L’ospedale ‘O spitale
74 La grotta ‘A grotta
75 Pulcinella Pulecenella
76 La fontana ‘A funtana
77 I diavoli ‘E riavulille
78 La bella figliola ‘A bbella figliola una prostituta
79 Il ladro ‘O mariuolo
80 La bocca ‘A vocca
81 I fiori ‘E sciure
82 La tavola imbandita ‘A tavula ‘mbandita
83 Il maltempo ‘O maletiempo
84 La chiesa ‘A chiesa
85 Le anime del Purgatorio Ll’aneme d’ ‘o priatorio
86 La bottega ‘A puteca
87 I pidocchi ‘E perucchie
88 I caciocavalli ‘E casecavalle
89 La vecchia ‘A vecchia
90 La paura ‘A paura